Casa di Riposo
 
Servizi Pubblicazioni Comunicati Galleria Calendario Contatti Dove Siamo
           

Amministrazione Trasparente

 
 
CHI SIAMO

La Casa di Riposo “n.d. M. Tomitano e N. Boccassin” è un centro servizi residenziale (ex IPAB) per anziani e dispone di n. 143 posti letto così suddivisi:

  • n. 62 ospiti non autosufficienti allocati nei due nuclei R.S.A. denominati Toresin e Castella, ciascuno da 31 posti letto
  • n. 59 ospiti, di cui 9 autosufficienti e 50 non autosufficienti, allocati presso il nucleo denominato Livenza.
  • n. 22 ospiti non autosufficienti allocati nel nucleo Riviera di recente ristrutturazione.

Fino al 1969 la Casa di Riposo formava le Opere Pie Raggruppate – Ospedale Civile e Casa di Ricovero – Motta di Livenza.
Con decreto del Presidente della Repubblica n. 90 del 13.08.1969, (pubblicato sulla G.U. n.313 del 13-12-1969) i due Enti, già raggruppati, hanno assunto personalità giuridica propria ed autonoma. La Casa di Riposo ha assunto la denominazione “Casa di Ricovero” di Motta di Livenza.
Con Provvedimento del Consiglio Regionale del Veneto n. 102 del 27.02.1976 si è provveduto alla fusione della “Casa di Ricovero” di Motta di Livenza con la “Fondazione Nicolò Boccassin” di Motta di Livenza in un unico Ente denominato “Casa di Riposo n.d. Maria Tomitano e Nicolò Boccassin” con sede in Motta di Livenza.


 
LA MISSIONE

Missione dell’Ente “Casa di Riposo n.d. Maria Tomitano e Nicolò Boccassin” è di mettere a disposizione degli anziani che non possono o non desiderano più abitare nella loro casa, un luogo ove vivere serenamente, aiutandoli a mantenere il più possibile l’autonomia delle loro azioni e delle loro scelte. L’impegno dell’organizzazione si traduce, sul piano operativo, nel prendersi cura delle persone fornendo risposte adeguate ai bisogni, in modo da consentire ad ognuno di esprimere abitudini, interessi e decisioni proprie, nel rispetto della vita all’interno di una comunità. Per il futuro l’obiettivo dell’Ente è quello di divenire una moderna azienda di servizi sociali aperta alle esigenze dei cittadini del territorio, promuovendo la realizzazione di servizi innovativi che siano integrativi ed anche alternativi al ricovero in struttura, nel rispetto degli indirizzi nazionali e regionali previsti per l’assistenza agli anziani, coordinando i propri interventi assistenziali con quelli degli altri soggetti pubblici, in primo luogo i Comuni e l’U.L.S.S., che hanno il compito di garantire una migliore qualità della vita ai nostri anziani.

 

PRINCIPI
La Casa di Riposo “n.d. Tomitano e Boccassin” intende dare applicazione ai principi indicati dalle normative in merito all’erogazione dei servizi pubblici. Essi sono:

Uguaglianza e Rispetto: l’erogazione del servizio si ispira alla garanzia del medesimo trattamento a parità di condizioni, senza discriminazioni basate sul sesso, origini razziali, credo, condizioni economiche o opinioni politiche. Questo non significa uniformità degli interventi ma, viceversa, che ogni attività è personalizzata.

Imparzialità e Obiettività: ogni persona che presta un servizio all’interno dell’Ente opera con imparzialità, obiettività, giustizia, al fine di garantire un’adeguata assistenza.
Continuità: l’Ente si impegna ad assicurare la continuità del servizio mediante l’articolazione dello stesso in turni sulle ventiquattro ore, in modo da garantire adeguati livelli di prestazioni. In caso di interruzioni del servizio dovute a cause di forza maggiore, la Struttura si impegna a ridurre al minimo i disagi che ne possono derivare.

Diritto di scelta: ogni persona, qualunque sia la propria condizione di salute, mantiene il diritto di manifestare le proprie scelte all’interno della struttura. Le varie figure professionali hanno il compito di favorire o stimolare le scelte personali nello svolgimento delle attività quotidiane.

Partecipazione: l’anziano e i suoi famigliari sono i protagonisti del servizio ed è a loro che mettiamo a disposizione gli strumenti per incoraggiare una partecipazione attiva.

Efficacia ed efficienza: l’Ente fa propri tali principi verificando se gli obiettivi di salute riferiti ai fruitori siano stati raggiunti e se si opera in base al miglior utilizzo delle risorse disponibili.